Chi è Lamberto Longhi?

Il Prof. Lamberto Longhi (Genova 1909-Roma 1997) neurologo, psicologo, psichiatra e filosofo ha lavorato presso la Clinica delle Malattie Nervose e Mentali dell’Università “La Sapienza” di Roma, dove ha insegnato dal 1937 al 1971 “Semeiotica neurologica” e dal 1972 al 1974 “kinesiologia”; dal 1961 è stato libero docente in psicologia.
L.Longhi era un grande conoscitore della letteratura fenomenologica e non, tedesca, inglese e francese, è stato uno dei primi neurofenomenologi italiani ed ha partecipato alla corrente innovativa della più moderna psichiatria insieme a Borgna, Callieri, Trevi, Bini ed altri.
Dal 1980 al 1986 è stato primario neurologo presso l’Ospedale di Neuroriabilitazione San Giovanni Battista S.M.O.M di Roma, dove ha svolto con i suoi collaboratori dei lavori di ricerca in ambito neuropsicologico applicando il metodo della “riduzione eidetica o epoché”.
Longhi ha proposto un’ approccio neuropsicologico, nella versione antropo-fenomenologica, alla neuroriabilitazione, ha ipotizzato una nuova semeiologia dell’afasia ed un nuovo approccio alla logopedia del disturbo afasico.
Al suo attivo ha ottanta pubblicazioni tra cui sei trattati:
Introduzione ad una neurologia fenomenologica, Il pensiero scientifico Ed. – Roma1969
Il vissuto nevrotico: il significato dell’ansia attraverso i suoi contenuti esperenziali espliciti, Ed. Città Nuova – Roma 1972
Neuropsichiatria, Le Monnier – Firenze 1973
Neuriabilitazione dell’Emiplegico, Ed. Ermes Medica, Roma 1981
Afasia, Trattato di Neurologia Riabilitativa – Ed. Marrapese Roma 1985
Il segno psicopatologico, Capone Editore – Lecce 1993
Elementi di psicopatologia, Capone Editore – Lecce 1993

Il contributo di Lamberto Longhi alla neuroriabilitazione neuropsicologica dei malati emiplegici ed in particolare alla riabilitazione del disturbo afasico, alla luce dei più recenti studi nel campo delle neuroscienze, appare oggi più prezioso.
Attraverso il metodo fenomenologico L.Longhi ha cercato di rintracciare nei malati afasici quella totalità funzionale che è l’atto comunicativo, destinata a scomparire quando si tenti di scomporla; egli ha ipotizzato una nuova semeiologia dell’afasia, capace di cogliere il gesto verbale ancora possibile nell’afasico, nel suo “farsi”, nelle sue sub-strutture dinamiche interagenti.
“Il problema dell’afasia è quello di una motricità strutturata in senso articolatorio-fonemico come condizione fondamentale dell’espressione verbale. L’afasico avrebbe perso i mezzi gestuali per attuare il valore nozionale del simbolo verbale, sia per esprimerlo che per comprenderlo. Non si tratterebbe della perdita del valore simbolico come tale ma del gesto simbolico che lo produce e lo rinnova continuamente.” (Afasia, L.Longhi 1985)

2 thoughts on “Chi è Lamberto Longhi?

  1. I blog quite often and I genuinely thank you for your
    content. This great article has truly peaked my interest.
    I am going to book mark your blog and keep checking for new information about once
    per week. I opted in for your Feed too.

  2. Can I simply say what a comfort to find a person that actually knows what they are discussing on the internet.
    You definitely know how to bring a problem to light and make it important.
    More people really need to look at this and understand this side of your
    story. I was surprised that you aren’t more popular because you certainly have the gift.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...